Comunicazione preventiva d’esercizio delle Unintà d'Offerta Sociale (CPE)

La regione Lombardia, con Decreto della Direzione Generale Famiglia e Solidarietà Sociale n. 1254/2010, ha stabilito nuove norme per i gestori che intendono attivare una struttura tra quelle appartenenti alla rete sociale, tra quelle sotto elencate. Gli interessati devono presentare la CPE- Comunicazione Preventiva d’esercizio (corredata dalla documentazione prevista), che sostituisce a tutti gli effetti l’ Autorizzazione al Funzionamento, direttamente all’ Azienda Speciale Retesalute e , più precisamente, all’Ufficio interdistrettuale per la CPE e l’ Accreditamento delle Unità d’ Offerta Sociale della Provincia di Lecco, sito a Merate, Piazza Vittorio Veneto 2/3.

La CPE può essere, peraltro, anche fatta pervenire al sopra citato Ufficio a mezzo posta.
Una copia della CPE, esclusa la documentazione allegata, deve essere inviata all’ ATS della Brianza sede territoriale di Lecco - Struttura Vigilanza e Controllo- C.so Carlo Alberto 120, 23900 LECCO Fax: 0341.482306.

Le strutture socio-assistenziali facenti capo alla rete sociale sono:
• Nido d’ infanzia
• Micronido
• Centro Prima Infanzia
• Nido Famiglia
• Centro di Aggragazione Giovanile
• Comunità Alloggio Disabili
• Servizio di Formazione all’ Autonomia per Persone Disabili
• Centro Diurno Anziani
• Comunità Educativa
• Comunità Familiare
• Alloggio per l’ Autonomia
• Centro Ricreativo Diurno
• Centro Socio Educativo

Casi in cui la  Cpe - Comunicazione Preventiva di Esercizio - deve essere presentata:
1. Messa in esercizio di unità d’ offerta afferenti alla rete sociale
2. Variazione della capacità recettiva dell’ unità d’ offerta
3. Trasformazione di unità d’ offerta esistenti
4. Trasferimento in altra sede di unità d’ offerta esistenti
5. Cambiamento del Soggetto gestore

Casi in cui la CPE - Comunicazione Preventiva d’Esercizio - non deve essere presentata:
1. Cambio della persona del Legale Rappresentante o dell’ Amministratore del Soggetto Gestore (è sufficiente inviare una lettera di informazione a Retesalute, precisamente, all’Ufficio interdistrettuale per la CPE e l’Accreditamento delle Unità d’ Offerta Sociale della Provincia di Lecco).
2. Sperimentazione di unità d’ offerta innovativa e non rientrante nella rete Regionale ( è sufficiente inviare comunicazione contenente i contenuti organizzativi e strutturali della sperimentazione. L’ Ufficio provvederà ad aprire l’ istruttoria e prenderà atto con apposito provvedimento, dopo le verifiche e gli approfondimenti necessari).
3. Messa in esercizio di attività sociali tra quelle previste dall’ art. 3 - comma 2 - della Legge n. 3/2008. Il Gestore deve, comunque, garantire il rispetto delle Leggi Regionali o Nazionali in materia di Igiene e Sanità Pubblica, di Sicurezza degli Impianti, di Urbanistica-Edilizia e, nel caso di utilizzo di personale dipendente, il rispetto di quanto stabilito in materia di rapporti di lavoro dalla normativa vigente. E’ opportuno che il gestore invii all’ Ufficio una relazione dalla quale si evinca la caratteristica dell’ attività avviata sul territorio.

Procedimento per la messa in esercizio:
1. Presentazione della CPE, utilizzando la modulistica allegata
2. L’ Ufficio interdistrettuale per la CPE e l’ Accreditamento delle Unità d’ Offerta Sociale della Provincia di Lecco verifica la completezza della comunicazione e di quanto auto dichiarato, relativamente ai requisiti posseduti, nonchè la presenza dei certificati relativi ai requisiti soggettivi, entro 30 giorni lavorativi
3. L’ Ufficio, effettuate le verifiche indicate, richiede all’ Asl di Lecco la visita di vigilanza, che sarà effettuata entro 60 giorni dalla data di ricevimento della richiesta. Entro 75 giorni dalla richiesta dell’ Ufficio per la CPE e l’ Accreditamento delle Unità d’ Offerta Sociale della Provincia di Lecco, l’ Asl è tenuta a dare esito dell’ attività di vigilanza, inviando il verbale del sopralluogo. Se la vigilanza è positiva la procedura di CPE si conclude. Nel caso in cui ci fossero problemi o segnalazione in merito alla mancanza dei requisiti richiesti, verrà data un prescrizione, in cui si definiranno i termini per adeguarsi alla normativa vigente, o se le carenze portassero ad un pericolo per gli utenti, si provvederà ad assumere provvedimenti di chiusura o limitazione dell’ attività

Presentazione della richiesta di Comunicazione Preventiva d’ Esercizio

Il Gestore per la presentazione della CPE (Comunicazione Preventiva D’ Esercizio), si dovrà attenere a quanto previsto dalla normativa regionale vigente che, per opportuna conoscenza, si allega.
La presentazione della CPE dovrà avvenire utilizzando gli appositi moduli, anch’ essi allegati.
La richiesta è presentata dall’ Ente Gestore, attraverso il suo legale rappresentante.

Per informazioni sulle modalità della presentazione della CPE( Comunicazione Preventiva d’ Esercizio):
Ufficio interdistrettuale per la CPE e l’ Accreditamento delle Unità
d’ Offerta Sociale della Provincia di Lecco
Tel.0341.493687 - cell. 366/29.07.448

Email:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Orario di aperture: Su appuntamento 

Allegati:

 

 

Accreditamento